News
Martedì 8 Luglio 2014
 
VOLONTARI IN PARTENZA

 

Da Acquaviva delle Fonti (BA) a Bolívar, sulle Ande peruviane.

Partono domani, 9 luglio, per portare la loro opera di medici a Bolívar, in Perù. Grazia e Carlo Conversa affronteranno non solo un viaggio transoceanico, ma dovranno poi raggiungere un luogo impervio nel cuore delle Ande, Bolívar, dove è da poco iniziato il nostro progetto “Una scuola sulle Ande”.

I nostri medici si uniranno al personale locale e al parroco, padre Emeterio, per l’annuale campagna sanitaria che per circa un mese li porterà a visitare anche le comunità più isolate sparse sulle montagne.

«È la nostra 11° missione – ci racconta Carlo che abbiamo raggiunto telefonicamente – dopo 3 volte nelle Filippine, 2 volte in Madagascar, e poi in Albania, Turchia, Camerun. Alcune le abbiamo fatte separatamente: Grazia è andata in Libia, io sono andato in Brasile e in Ecuador.»

E come vi siete preparati?
«C’è sempre una doppia preparazione – continua Carlo – una spirituale per avvicinarci alle persone che incontreremo con rispetto e spirito di servizio, ed una, per così dire, scientifica: ci siamo documentati sulle più frequenti patologie della popolazione, abbiamo cominciato, pur se a distanza,  ad affrontare con il personale locale anche temi legati alla prevenzione e…abbiamo riempito la valigia di medicine e quant’altro potrebbe essere utile!»

Aspettative?
«Speriamo, al nostro rientro, di poter proporre una collaborazione concreta ai medici che conosciamo, ai quali abbiamo già parlato del nostro viaggio e del progetto AMU, ma anche ad altre realtà del nostro territorio.»

Non ci rimane che augurare ai coniugi Conversa buon viaggio. Siamo con voi!


Venerdì 4 Luglio 2014
 
EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO: IL NUOVO PROGETTO

Come capire il mondo e cambiarlo, cominciando da noi

Non si può pensare di superare i baratri del mondo mandando soldi ai paesi poveri o facendo qualche progetto. La solidarietà è importante, vitale (siamo parte di un’unica umanità) ma l’erogazione di beni è solo la parte iniziale, spontanea e più immediata del nostro sentirci “fratelli”, uno accanto all’altro nell’avventura della vita. Si mettono in circolazione i beni, quelli superflui e spesso anche quelli che ci paiono importanti, per dare un segno tangibile di vicinanza a chi è privato persino dei diritti essenziali.
Ma non basta.
Occorre capire quali sono le cause della disuguaglianza, conoscere i meccanismi che la provocano, cercare le soluzioni. Una conoscenza essenziale al nostro lavoro, indispensabile per inquadrare i piccoli e grandi progetti – nostro pane quotidiano – in una visione ampia che guarda al futuro, costruendo relazioni di pari dignità.

L’Educazione allo Sviluppo è, prima di tutto, la continua riflessione che facciamo sul nostro agire, per non cadere nella tentazione del progetto di grande impatto mediatico, “subito e a qualunque costo”, ma lavorare seriamente per uno sviluppo di “comunione”, partecipato, sostenibile e duraturo.

L’Educazione allo Sviluppo si rivolge a tutti ma trova nei giovani i suoi naturali destinatari, anche per la loro capacità di elaborare soluzioni innovative, al di fuori di schemi già inutilmente sperimentati. (altro…)


Martedì 1 Luglio 2014
 
PIÙ EUROPA IN ITALIA E PIÙ ITALIA IN EUROPA

«L’Italia con il suo semestre di Presidenza europea è chiamata ad una importante responsabilità in una fase complessa e difficile per il futuro dell’Europa, si legge sul sito di Concord Italia, piattaforma delle Ong di sviluppo. Certo, come sappiamo sarà un semestre di transizione: gran parte di questi 180 giorni si consumeranno tra l’insediamento di un nuovo Parlamento appena eletto, la designazione di un presidente di Commissione … la nomina dei Commissari e di una Commissione Europea che si prevede sarà insediata non prima di novembre.

Nonostante queste realistiche considerazioni siamo convinti che la presidenza italiana possa costituire una occasione importante sia per l’Europa che per l’Italia. Crediamo nella necessità di “più Europa in Italia” se l’Europa si rinnova e cambia decisamente direzione, nel senso di far recuperare ai suoi cittadini le speranze smarrite, cosi come siamo anche convinti di “più Italia in Europa”, se il nostro paese sarà capace di contribuire a curare la crisi di credibilità e di fiducia che si è aperta in questi anni con i cittadini. (altro…)


Venerdì 27 Giugno 2014
 
AL CAIRO IL PROSSIMO FORUM MONDIALE DELLA PACE

La notizia è stata annunciata al termine dell’8° Forum, che si è svolto a Schengen (Lussemburgo) dal 18 al 22 giugno, con la presenza di numerosi rappresentanti qualificati del mondo della scuola, della politica, dell’arte e della società civile: il prossimo Forum Mondiale organizzato dalla Fondazione Schengen per la Pace si terrà nella primavera del 2015 al Cairo! Merito del progetto Living Peace, che ha proprio al Cairo la sua “centrale operativa”.

Ce ne parla Carlos Palma, Direttore dei Programmi del Forum per la Scuola, nonché promotore di Living Peace.

«Tutto questa esperienza – racconta il professor Palma – mi è sembrata veramente importante per rafforzare l’impegno a vivere per le periferie educative nel mondo. Quest’anno sono stato invitato al Forum di Schengen per presentare Living Peace. Il primo giorno, la cerimonia di apertura è stata davvero emozionante. Ho ritrovato tante persone già conosciute e altre nuove con le quali quest’anno abbiamo collaborato a distanza: finalmente siamo riusciti a conoscerci di persona! Tutti erano grati del lavoro fatto attraverso il progetto e colpiti per gli effetti che sta ancora portando nel mondo. (altro…)


Mercoledì 18 Giugno 2014
 
RICOSTRUIRE NELLE PERIFERIE

Si conclude oggi a Barcellona un workshop internazionale di 3 giorni sulle nuove tendenze in urbanismo e architettura: “Architettura limite: ricostruire nelle periferie”.

La sessione di oggi è dedicata alla gestione dei processi partecipativi e di cooperazione. Anche l’AMU partecipa con la relazione di Francesco Tortorella su “La reciprocità del dono, obiettivo e metodo di una nuova cooperazione allo sviluppo partecipata.”

Altre informazioni e programma sono reperibili sul sito http://arquitecturalimite365.wordpress.com/