Progetti di sviluppo

 







News
Mercoledì 19 Luglio 2017
 
Attività 2016 – Cosa abbiamo fatto grazie al vostro sostegno

Il Bilancio dell’Amu e la Relazione annuale sulle attività, che vengono pubblicati sul sito dell’AMU ogni anno tra giugno e luglio a seguito dell’Assemblea dei soci (come prevedono le norme a riguardo), ci raccontano in maniera specifica l’impegno della nostra Associazione nelle diverse attività e nei progetti realizzati grazie al sostegno di tutti voi.

Sul sito potrete trovare i dettagli dei diversi interventi e l’impiego delle risorse raccolte, ma ci sono alcuni elementi che vogliamo condividere in modo particolare, partendo proprio dall’aumento del numero dei donatori.

Nel 2016 ci sono stati 848 donatori (+ 10,13% rispetto all’anno precedente), per complessive n° 1.366 donazioni (+ 17.25%), permettendoci di raccogliere € 1.388.864,42.

Un altro aspetto che vorremmo sottolineare è quello della natura dei progetti sostenuti: anche il 2016 ha visto la realizzazione di diversi interventi in caso di emergenze e calamità naturali, che hanno coinvolto anche l’Italia; programmi di micro-credito, formazione e sostegno a nuovi imprenditori in aree con gravi difficoltà economiche; progetti di integrazione ed emancipazione dei giovani e delle donne, e progetti per il supporto socio-sanitario e scolastico.

(altro…)


Mercoledì 12 Luglio 2017
 
Formazione alla Pace – corso per insegnanti, educatori, formatori.

2017 LP INVITO SAVE DATE IT
Living Peace, il progetto di AMU, New Humanity  e Teens 4 Unity nell’ambito dell’Educazione allo Sviluppo, organizza a ottobre un percorso di formazione alla Pace.

Si tratta di un corso di formazione rivolto ad insegnanti, educatori e formatori  che avrà luogo dal 25 al 29 ottobre 2017, presso il Centro Mariapoli, in Via San G.Battista de la Salle, Castel Gandolfo – Roma.

Living Peace oggi è una rete di pace mondiale di oltre 40 organizzazioni che collaborano in tutto il mondo e che lavorano per la pace. Il progetto negli anni ha registrato la partecipazione di più di 200 mila persone da 113 nazioni del mondo.
Il progetto è promosso da scuole, associazioni, centri educativi, gruppi religiosi ecc. e si sviluppa attraverso azioni concrete e metodi, come il lancio del dado della Pace, il quale presenta sei frasi corrispondenti ad un valore di Pace che stimolano cambiamenti personali e comunitari, e la pratica del Time – Out, in cui tutti i giorni alle ore 12 di ogni fuso orario è riservato un minuto di silenzio, di preghiera o riflessione sulla pace.

Per avere altre info sul corso, conoscere il programma e come iscriversi potrete cliccare qui.


Martedì 11 Luglio 2017
 
Una comunità e la gioia di donare. La festa di Pignataro Maggiore (CE)

Alla Sagra di Pignataro Maggiore tutta la comunità si muove spinta dalla voglia di “donare”.

Lo scenario è quello di un paese della provincia di Caserta, Pignataro Maggiore. Con il suo territorio, i suoi profumi e sapori tradizionali, la carne, le verdure succose, i dolci fatti in casa.

I protagonisti, anzi la protagonista, è la comunità che a Pignataro e nelle zone limitrofe, vive. Una comunità che, stimolata dalla forza e energia dell’Associazione Insieme per l’Unità dei Popoli – Onlus, si attiva, non solo come somma dei singoli.
Questi sono gli elementi base della “Sagra degli Antichi Sapori”, che ogni anno riunisce tantissime persone all’inizio di luglio, per superare in compagnia le prime serate veramente calde della stagione.

Ma c’è un elemento in più, che rende speciale la Sagra di Pignataro. Un elemento che spinge tutti i partecipanti a dare qualcosa per la riuscita della festa.

Il “dono” è il vero motore della festa e lo si percepisce nei gesti e nell’impegno che ciascuno pone nelle azioni che mette in campo.
È un dono, prima di tutto, la passione e il tempo che ciascuno dedica alla preparazione della Sagra. Ci sono dei veri e propri “Professionisti”, ma tutti svolgono la propria attività in maniera volontaristica e gratuita.
(altro…)


Lunedì 3 Luglio 2017
 
Sostenitori – donare per festeggiare

È sempre bello vedere come molti sostenitori scelgano di donare proprio per arricchire i momenti importanti della loro vita. Un gesto gratuito e gratificante, per tutti.
Questa volta il nostro ringraziamento speciale va a Lorena di Perugia, che venerdì 30 giugno ha raggiunto il traguardo del pensionamento!
Al consueto saluto conviviale con i colleghi e i capi, Lorena ha voluto sostituire un messaggio personale per ciascuno nel ricordo del lungo percorso lavorativo, accompagnato da un invito particolare a volerla festeggiare attraverso un gesto concreto di condivisione: sostenere il progetto dell’AMU “TUTTI A SCUOLA” nella Repubblica democratica del Congo.
Così scrive Lorena :

“Ho scelto un progetto dell’ AMU che darà la possibilità alcuni bambini della Repubblica del Congo di andare a scuola e mettere le basi per IL FUTURO; agli uomini del posto di lavorare costruendo i banchi e sostenere la vita PRESENTE; alla comunità locale di non allontanarsi dalla propria patria e mantenere le proprie radici che affondano nel PASSATO”.

Una gioia grande per la risposta generosa dei colleghi e soprattutto il sostegno attivo del suo direttore, dal quale ha sempre ricevuto rispetto e stima per le proprie scelte di vita, che ha invitato tutti i dipendenti a fare la donazione direttamente dal sito dell’ AMU!

Ringraziamo Lorena e tutti i suoi colleghi per la generosità e l’attenzione rivolta proprio a questo progetto. Le auguriamo, dopo tanti anni di lavoro, il meritato riposo e la possibilità di dedicarsi ancora di più alle attività a lei care.


Martedì 27 Giugno 2017
 
R come Reciprocità (e RImPRESA)

Rimpresa può essere un esempio per raccontare ancor meglio il concetto di reciprocità che è una delle caratteristiche principali dei progetti di sostegno e sviluppo portati avanti da AMU.

Che cos’è la Reciprocità nei progetti AMU?

R-come-reciprocità-RIMPRESADa tempo, la cooperazione internazionale ha posto come suo principio conduttore la sostenibilità dei progetti anche oltre il periodo specifico di intervento.
Questo è un aspetto importante per garantire alle comunità locali l’autonomia nel condurre il processo di sviluppo e non innescare circoli di dipendenza e assistenzialismo. Non solo per la propria autodeterminazione, ma anche perché possano preservare al meglio territori, tradizioni e identità.
A questa prospettiva, per sottolineare i suoi principi fondatori di gratuità, mutuo aiuto e attenzione alle relazioni interpersonali, AMU aggiunge nei suoi interventi quella della “reciprocità”: tra gli stessi beneficiari o tra loro e altre persone in situazioni di vulnerabilità, tra beneficiari e sostenitori, tra comunità.

(altro…)