Ricerca un progetto per area geografica

 










Progetti di sviluppo
 

Una delle conseguenze dei molti anni di guerra e di scontri è il gran numero di persone con disabilità fisiche causate da menomazioni, fratture complesse e lesioni. La situazione è ancora più critica a causa della diminuzione di servizi e presidi sanitari.
Anche le persone con bisogni specifici e diverse abilità dalla nascita, hanno visto un peggioramento dei servizi di assistenza e cura loro dedicati.
Le difficoltà che nascono da queste situazioni non sono legate sia all’aspetto economico, dato l’alto costo dell’assistenza. Da qui l’idea di un progetto che accanto alla fornitura di servizi di fisioterapia e riabilitazione fisica, offrisse anche un supporto per l’inclusione sociale e il benessere psicologico delle persone disabili e delle loro famiglie.

Attività:

  • Individuazione dei pazienti e preparazione di piani e moduli di terapia personalizzati
  • Trattamenti di fisioterapia e riabilitazione a domicilio
  • Consulenza e supporto ai famigliari e amici, per l’accompagnamento quotidiano del paziente.
    Ogni fisioterapista darà 20 sessione in una settimana come media;
  • Individuazione di una rete di associazioni e enti specializzati a cui affidare i pazienti.
  • Acquisto di attrezzature ortopediche, in collaborazione con il terapeuta
 

Dopo sei anni di guerra, i segni e le macerie che rimangono sono di tipo materiale e pscio-sociale. Ad Aleppo, da qualche anno ormai, si assiste ad un esodo massiccio delle famiglie e dei giovani verso l’estero. La situazione economica e sociale è catastrofica, tuttavia alcuni servizi stanno ripartendo, l’acqua e l’elettricità sono in parte disponibili, così come alimenti e benzina. I negozi stanno riaprendo a poco a poco, e la vita riprende!

Rimane drammatico il problema degli anziani rimasti soli a casa e che necessitano sostegno e cure. Tanti di loro hanno perso i figli o sotto le bombe o perché hanno cercato rifugio all’estero.

Per questo abbiamo avviato il progetto, rivolto a giovani disoccupati, per la formazione di “OSS” Operatori Socio-Sanitari, specializzati nella cura e nell’assistenza a persone anziane o disabili.

Beneficiari:

  • I beneficiari sono in maggioranza giovani disoccupati (che in molti casi già devono occuparsi di anziani o disabili in casa).

Obiettivi dell’azione

  • Offrire la formazione e una possibilità lavorativa a giovani siriani che decidono di rimanere nella loro terra per la difficile fase della ricostruzione

Attività:

Organizzazione di un corso di operatore socio-sanitario per 30 giovani di Aleppo della durata di 8 mesi. Il corso è diviso su 2 livelli, livello 1 e livello 2, di 4 mesi ciascuno, compreso un mese di tirocinio

I moduli formeranno i ragazzi su:

  • “Conoscenza del pubblico e dell’ambiente sociale dell’assistito
  • “Patologie invalidanti” per comprendere l’impatto di patologie, handicap e carenze nella vita quotidiana delle persone colpite
  • “Ergonomia”
  • “Igiene e cura della persona che viene aiutata
  • “Nutrizione e dieta
  • “Tecniche professionali per la gestione della vita quotidiana”
  • “Animazione e vita quotidiana”
  • “ Etica nel lavoro”
  • “Pianificazione del lavoro e intervento professionale”
  • “Comunicazione e supporto psicologico”

Si prevede un totale di 304 ore di lezione per la totalità del corso di 7 mesi, più un mese di tirocinio.

Il corso sarà tenuto con il supporto e l’intervento di diversi professionisti come medici di famiglia, nutrizionisti, fisioterapisti, infermieri, psicologi, sociologi, assistenti sociali, ragionieri, operatori socio-sanitari. 

Il tirocinio

Il livello di corso di 4 mesi include 15 giorni di tirocinio presso le Suore della Carità, nella casa per anziani che gestiscono ad Aleppo, o in uno dei due ospedali privati della città.

 

SCHEDA  PROGETTO

 

Damasco, è stata liberata completamente il 21 maggio 2018 e, ora, dopo anni di paura e tensione, le persone vogliono rinascere, tornare a guardare al futuro nella loro terra.

I desideri, però, si scontrano con le conseguenze e gli strascichi di anni di guerra: povertà, disoccupazione, famiglie decimate, precarietà e sovrappopolazione in alcune zone.

Uno dei disagi maggiori del sovraffollamento si riscontra nelle scuole: le classi sono diventate anche di 70 alunni ciascuna, impossibili da gestire per un insegnante e poco efficaci per insegnare e trasmettere davvero qualcosa.

Si diffonde così l’uso di lezioni private, ripetizioni per supplire a quello che non si riesce a fare a scuola. Questo però comporta un forte divario tra chi, potendo permettersi le ripetizioni, avanza nel percorso scolastico e chi rimane indietro, a forte rischio abbandono.

Il centro BAYT AL ATFAL nasce “Dueilaa” zona molto popolata e molto povera di Damasco. Qui le tantissime famiglie cristiani di diversi riti, musulmani sunniti, Alawiti e drusi  non possono permettersi le lezioni private per i loro figli e questi rischiano di non raggiungere il traguardo del diploma della IV scuola Media, essenziale per avere la possibilità di un futuro in Siria.

Il progetto, quindi, si assicura che i ragazzi con maggiori difficoltà economiche possano comunque avere assistenza e sostegno allo studio, soprattutto nelle materie principali per l’esame del diploma: matematica, fisica, chimica, arabo, inglese, francese. Inoltre, si forniranno ai ragazzi il materiale di cancelleria occorrente e una merenda giornaliera, gite e altri momenti di svago da vivere insieme.

Il progetto si svolgerà da metà ottobre (2018) a fine agosto (2019), includendo 8 mesi di sostegno scolastico, 2 mesi di lezioni intensive di lingua straniera.

Obiettivi specifici

  1. Sostenere gli adolescenti nell’apprendimento scolastico attraverso un corso specifico
  2. Stimolare gli adolescenti a frequentare la scuola nonostante le difficoltà e la precarietà delle loro condizioni di vita

Attività previste

  1. Attività di promozione e selezione dei beneficiari
  2. Sostegno scolastico
  3. Corsi di lingue straniere
  4. Gite e momenti ricreativi
  5. Formazione e aggiornamento del personale

 

SCHEDA PROGETTO

 

Cuba si trova in un momento storico particolare, da qualche anno sono in atto diversi cambiamenti che stanno trasformando gli approcci politici, sociali ed economici sull’isola che fanno comunque mantenere molte riserve rispetto a proposte e metodologie diffuse all’estero.

Le visioni presentate dall’Economia civile e dall’Economia di Comunione (EdC) sono state ben accolte nell’isola, per la coniugazione degli aspetti legati allo sviluppo economico e quelli legati al sociale, al rispetto della comunità e della persona.
Sono in molti tra giovani studenti, formatori e professori, piccoli imprenditori, a essere interessati, studiare e sperimentare questo modello di economia, questo modo di fare impresa basato sulla sostenibilità finanziaria, sociale, ambientale.

La prima parte del programma, quindi, ha inizialmente riguardato la diffusione e la formazione su questi temi e sul metodo per la creazione di imprese ad impatto sociale.

Con l’aumentare delle proposte e delle iniziative imprenditoriali che volevano seguire il solco dell’Economia civile e dell’Economia di Comunione, sono aumentati anche i progetti per l’avvio, il sostegno e il consolidamento di queste imprese. Si è istituita un’equipe tecnica per l’incubazione di nuove iniziative imprenditoriali e per il proseguimento della diffusione di modelli economici di natura sociale.

PROGETTI

“Sviluppo dell’EdC a Cuba” – 2017/2018

Descrizione:

I beneficiari diretti di questa azione sono tutte persone che vogliono approfondire la conoscenza dell’EdC e farne esperienza, per essere a loro volta animatori EdC a Cuba.
Con questa formazione, si possono approfondire le proprie conoscenze specifiche sulle principali vulnerabilità della popolazione e sugli strumenti più adeguati per affrontarle, nell’ottica di uno sviluppo umano, integrale, di comunione.

Attività:

– Apertura di uno spazio di formazione
– Elaborazione di materiali su Economia Civile ed EdC
– Realizzazione di workshop di formazione
– Incontri in gruppo di lavoro su EdC
– Scambio con artisti cubani

Beneficiari:

Beneficiari diretto: 30 persone
Beneficiari indiretti: 200 persone apross.

Costo totale
€ 33.027,78

Contributi richesti all’AMU
€ 15.936,22
“Rafforzamento dell’iniziativa imprenditoriale “Gestar” a Camaguey ” 2017

Gestar è una iniziativa promossa da giovani professionisti che offrono servizi per la creazione e la gestione di micro e piccole imprese di comunione, a Cuba. L’obiettivo principale di questo gruppo è il miglioramento della gestione amministrativa di iniziative produttive e imprenditoriali a Cuba nell’ottica di un’economia più umana e comunitaria.

Attività

– Diagnosi iniziale e analisi dei documenti
– Pianificazione strategica e Business Plan
– Accompagnamento e monitoraggio

Beneficiari:
Beneficiari diretti: 5 giovani professionisti

Costo totale
€ 5.143,96
Contributi richesti all’AMU
€ 5.143,96
“Promozione della crescita e della sostenibilità dell’attività agricola della Finca La Fe nella provincia di Camaguey ” 2017/2018
Nell’isola di Cuba c’è una scarsa propensione all’agricoltura e, di conseguenza, c’è poca propensione all’acquisto di prodotti della terra. Questo perché non ci sono incentivi all’agricoltura, dififcile accesso ai pochi finanziamenti per imprese agricole, difficoltà e costo di reperire materie semi-lavorate, mezzi e utensili.
In questa situazione gli agricoltori devono calcolare bene i costi e i benefici, cercando di limitare al massimo perdite e impreviste.

Soprattutto nella Provincia di Camagüey c’è forte scaristà di prodotti agricoli e quei pochi venduti al mercato privato o statale hanno costi elevati.

Questo intervento mira a facilitare la produzione agricola in una fattoria nella città di Camaguey per sostenere i produttori, soddisfare la domanda di cibo agricolo a prezzi sostenibili dalla popolazione e migliorare le condizioni di vita dei lavoratori.

Attività

– Allevamento di maiali e mucche per la produzione di carne e latte
– Assistenza tecnica e sanitaria per gli animali e manutenzione della fattoria
– Formazione tecnico-agricola dei lavoratori
– Elaborazione del piano aziendale
– Supporto economico e formazione per la gestione aziendale in ottica EdC

Beneficiari diretti: 5 operai agricoli, 17 integranti delle famiglie
Beneficiari indiretti: 60 persone della comunita’ e fornitori

Costo totale
€ 11.721,58
Contributi richesti all’AMU
€ 9.376,85
“Sviluppo dell’EdC a Cuba II 2018/2019”  

Negli ultimi anni a Cuba c’è stata un’apertura al settore privato grazie alle nuove leggi che hanno concesso diritti per l’iniziativa imprenditoriale. I settori in cui sono nate più attività sono quelli del turismo, dell’alimentare e dei trasporti. Le più grandi difficoltà che devono affrontare gli imprenditori sono il continuo cambiamento legislativo e la mancanza di formazione imprenditoriale.

Questo intervento, quindi, è rivolto a persone a basso reddito (che vivono con meno di 2 $ al giorno), prive di formazione e delle risorse (finanziarie, di conoscenza e strumentali) per avviare e sostenere un’attività imprenditoriale.
La formazione e l’accompagnamento per le imprese, si basano sui principi di economia civile ed Economia di Comunione (EdC) e prevedono il coinvolgimento anche di istituzioni locali.

Attività e beneficiari

– Formazione aperta sull’EdC a Cuba
– Formazione e accompagnamento di iniziative produttive EdC esistenti:
– Visite di monitoraggio ai progetti in esecuzione
– Formazione per l’equipe tecnica (incubazione)
– Elaborazione di pubblicazioni e archivio pubblico sull’EdC (online)
– Incontro nazionale EdC
– Collegamenti con l’incubatore internazionale “Economy of communion international incubating network” (EoCiin)

Beneficiari diretti: 737
Beneficiari indiretti: 1733

Costo totale
€ 24.790,17

Contributi richesti all’AMU
€ 17.521,14

 

La Ruta 40 è la protagonista del racconto di viaggio che Chiara Morellato e Andrea Vignali hanno compiuto alla scoperta del Nord Ovest dell’Argentina. Un percorso alla riscoperta di quel patto tra uomo e terra (che qui chiamano Pachamama) custodito in questi luoghi dalle comunità rurali che vivono seguendo ancora oggi le loro più antiche tradizioni.

Un reportage unico, un racconto costruito insieme agli abitanti di quelle terre che in questi anni  hanno partecipato al Progetto di turismo sostenibile e solidale sostenuto da #AMU.

Attraverso il turismo le comunità rurali hanno potuto valorizzare quei panorami unici, ritrovare i mestieri artigiani dei loro antenati, conservare e far conoscere i costumi popolari legati alle loro tradizioni. I visitatori hanno così l’occasione per vivere un’esperienza completa, che dalla semplice visita dei luoghi, diventa conoscenza, condivisione, empatia con chi quei luoghi vive e anima ogni giorno.

Per gli abitanti del Nord Ovest Argentino, un’opportunità per uscire dalla vulnerabilità e avviare uno sviluppo in armonia con la natura, nel rispetto dei propri costumi e in condivisione con la propria comunità, salvaguardando così i legami sociali.

In questo video, la straordinaria bellezza della terra del NOA (Nord Ovest Argentina) e l’accoglienza dei suoi abitanti.

Qui per sostenere il programma con una donazione.

 

 

 

 

[Il servizio è andato in onda anche il 28 ottobre durante la trasmissione “Il Kilimangiaro” su Raitre]