Ricerca un progetto per area geografica

 












NL HIDE
 

Fin dall’inizio dell’anno scolastico, in settembre, abbiamo capito che il centro dopo-scuola “Generation of Hope” di Homs, in Siria, avrebbe vissuto un anno intenso e pieno di attività con i 90 bambini di ogni età che si sono iscritti! E i primi 3 mesi non hanno tradito le aspettative.
I ragazzi sono stati accolti da una sorpresa degli insegnanti e di tutti gli operatori, trovando classi piene di palloncini colorati e con un piccolo regalo per ciascuno, per affrontare bene l’anno: matite colorate, gomme da cancellare e righelli per più piccoli, penne ed evidenziatori per i più grandi.
Un inizio così ha portato subito ancora più affetto e coinvolgimento.
Ma, oltre ai corsi e all’assistenza per ragazzi con difficoltà nello studio, all’assistenza psicologica e a quella fornita da logopedisti per alcuni ragazzi che ancora subiscono gli effetti traumatici della guerra, quest’anno è stato e sarà ancora di più l’anno del coinvolgimento dei genitori.

In collaborzione con “The East Christian Relief” Association abbiamo organizzato degli incontri rivolti alle famiglie dei ragazzi. Il primo ha trattato di igiene personale e ha visto la partecipazione di circa 70 tra madri e padri e i relative figli. Un pomeriggio davvero ricco di spunti e che ha permesso di riflettere e rivedere alcune abitudini che tenevano in casa e in pubblico.
Da questa prima iniziativa è nata la seconda, rivolta soprattutto alle madri e riguardante la prevenzione del cancro, in contemporanea con una campagna del Ministero della Salute. Negli stessi giorni, gli insegnanti e i ragazzi hanno parlato degli stessi temi e hanno elaborato insieme i loro slogan, che poi hanno condiviso con le loro mamme.

I bambini sono stati protagonisti anche di alcune attività preparate per la Giornata Mondiale dei bambini, in cui hanno potuto cominciare a parlare di diritti e doveri dei più piccoli.
Ma, soprattutto, hanno organizzato delle sorprese per i loro insegnanti: il giorno del compleanno di ogni insegnante, i ragazzi più grandi hanno preparato una vera e propria festa portando dolci e torte e organizzando sempre qualche sorpresa.

Questi primi mesi sono stati davvero importanti per il centro e tutto ci fa pensare che anche il 2020, grazie all’entusiasmiamo dei ragazzi, le capacità e la sensibilità di insegnanti e operatori e al sostegno dei tantissimi amici dell’AMU, sarà un anno all’insegna della Speranza e della voglia di ricostruire un infanzia e un future sereno, superando la dura realtà che la Guerra ha lasciato.

 

Scopri il progetto e sostieni il programma di assistenza alla popolazione

 

 Dal sito Treccani la definizione di “Augurio“ indica il “desiderio che accada qualcosa di bene”.

Ma qual è il bene che auspichiamo? Un oggetto materiale, un bene di consumo, uno stato di vita diverso o nuovo, la salute per noi ed i nostri cari, sicurezza e tranquillità per l’avvenire? Chi non vorrebbe poter contare su questi beni?
E cosa significa “desiderio”? Forse aspirare a qualche cosa di importante mettendoci in gioco, magari andando oltre ad un mero calcolo di opportunità, allargando i nostri orizzonti verso esperienze e speranze sconosciute od appena intraviste?
Ecco, visto così, “l’augurio” per noi cristiani e per quasi tutte le religioni nel mondo, si sposa con il significato della festa del Natale, simbolo di una nuova nascita e di rigenerazione della vita. E in un contesto come quello odierno, il richiamo di questa festa è come un momento “magico” dell’anno, nel quale saremo sommersi da auguri su tutte le piattaforme di comunicazione, regali di ogni tipo, ma anche di buone intenzioni e propositi di cambiamento.
Anche noi dell’AMU vogliamo offrirvi i nostri auguri, come tutti gli anni, ma con una speciale enfasi proprio sul “desiderio” e sul “bene”.
Il “bene” è quello più prezioso: la Pace dentro il cuore di ciascun essere umano, che porta alla pace tra popoli e nazioni. Un bene che oggi è sempre più raro in un mondo dove continua ad imperversare la produzione, vendita ed uso di armi, così come il disprezzo verso il Bene Comune e la giustizia sociale e quella verso le generazioni future.
Per ottenerlo, siamo tutti chiamati a rispondere con un nuovo e rafforzato “desiderio” affinché la Pace non resti un semplice pensiero astratto, ma un gesto concreto che ci porti ad aprire il cuore e le mani verso chi è vicino a noi e non sempre può ricambiarci.

Sapendo che Dio è presente tra noi e non dimentica l’umanità, la Pace non è un’utopia e porterà al “Mondo Unito”. Ecco quanto di più bello e vero auguriamo a tutte e tutti voi con il nostro impegno quotidiano per rendere questo sogno realtà.

Il personale ed il Cda dell’AMU

 

Tra il 25 e il 26 novembre, l’Albania è stata colpita da un sisma che ha provocato 51 vittime e danni gravissimi ed estesi alle strutture, il Movimento dei Focolari ha attivato il Coordinamento Emergenze, con AMU e AFN.

In pochi giorni migliaia di persone hanno dovuto abbandonare le proprie case e la situazione è ancora molto difficile. Il Coordinamento Emergenze del Movimento dei Focolari (MdF, AMU, AFN) insieme alla Caritas Albania e le Caritas diocesane sta provvedendo a un censimento dei danni e delle esigenze della popolazione per poi attivare interventi mirati. Oltre all’aiuto per una stima concreta dei danni, il Movimento dei Focolari si è già attivato per accogliere numerose famiglie sfollate, sia mettendole in contatto con famiglie che potessero ospitarle, sia prestando un’assistenza psicologica.

Anche i giovani del Movimento e i focolari delle aree vicino hanno dato la loro disponibilità: è il momento di essere ancora più uniti e agire in maniera corale sia per affrontare l’emergenza di questi giorni, sia per strutturare un programma di ricostruzione per il futuro.

Per chi volesse collaborare e sostenere gli interventi per l’emergenza Albania:

Azione per un Mondo Unito ONLUS (AMU)
IBAN: IT58 S050 1803 2000 0001 1204 344
Codice SWIFT/BIC: CCRTIT2T
 

Una veste e una grafica nuova per AMU Notizie. Cosa ne pensate? Da questo numero abbiamo voluto rinnovare questo nostro importante strumento di contatto con tutti i protagonisti dei nostri progetti: sostenitori, volontari, donatori, beneficiari e operatori.
In queste pagine il filo conduttore sarà la forza rigeneratrice che nasce dai nostri progetti e si alimenta con l’essenziale contributo di ciascuno. Perchè, come scrivono Stefano e Francesco nell’editoriale:

“Non siamo noi a sviluppare o a far sviluppare qualcuno, noi proviamo a rimuovere gli ostacoli, insieme a chi li vive, affinché questi possa fiorire. Questo percorso verso la libera espressione delle proprie capacità di crescita è come una seconda generazione della propria vita – dopo quella fisica – una nuova nascita, una “rigenerazione”. E proprio come per il magnifico processo di generazione, c’è un segreto che fa sì che si possa rigenerare la vita: l’accompagnarci vicendevolmente, diventare compagni di cammino. Non ci si genera, e non ci si rigenera, da soli.”

Buona lettura!

Scarica qui il nuovo numero in pdf!

 

Il 20 novembre si celebra la Giornata Universale del Bambino
La protezione e la promozione del diritto alla vita, alla salute, all’istruzione e al gioco, del diritto alla famiglia, alla protezione dalla violenza e all’ascolto della propria opinione, sono alcuni dei diritti nominati nella Convenzione sui diritti del fanciullo, del 1989, e che ogni giorno siamo chiamati a promuovere.