Progetti di sviluppo
Scheda del Progetto
Ti trovi in: Medio Oriente  Siria
Nome Progetto
EMERGENZA SIRIA -2020
Stato progetto
In corso
Descrizione

La crisi siriana ha avuto inizio il 15 marzo 2011. Da quella data sono seguiti anni di guerra che hanno martoriato il Paese e hanno portato gravi ripercussioni psicologiche, economiche e sociali.

In questi anni chi ha perso il lavoro è stato costretto a spendere tutti i risparmi per sopravvivere e curarsi; in molti hanno dovuto abbandonare la propria casa spostandosi in altre zone, subendo tutti i problemi relativi alla sovrappopolazione.

Tante famiglie sfollate o al di sotto della soglia di povertà sono state costrette a muoversi in zone popolari lontane dal centro città, spesso non raggiunte da organismi o associazioni umanitarie, ritrovandosi isolate e senza nessun aiuto.

L’obiettivo generale del progetto è quello di rafforzare le capacità di resilienza delle popolazioni più vulnerabili in Siria; puntare a rafforzare le capacità degli individui, delle famiglie, delle organizzazioni e delle comunità siriane più vulnerabili di assorbire e far fronte positivamente ai traumi, alle perdite e ai cambiamenti determinati dal conflitto armato.
L’obiettivo specifico è quello di migliorare il soddisfacimento delle esigenze di base delle fasce più vulnerabili della popolazione siriana, segnatamente minori, anziani, persone con malattie croniche, infortuni o handicap, sfollati e rimpatriati, persone disoccupate, con particolare attenzione a donne e capifamiglia.

>SCARICA LA BROCHURE<

>SCARICA LA LOCANDINA IN A3 PER GLI EVENTI<

Quadro beneficiari diretti

816 Componenti di nuclei familiari sfollati, in condizioni di indigenza;
641 Bambini e ragazzi in età scolare (6-17), di famiglie sfollate, orfani, con traumi
psicologici; bambini audiolesi;
803 Persone in condizioni di indigenza affette da patologie comuni, da malattie
croniche
(cancro, diabete, insufficienza renale, ecc.) e/o con necessità di interventi chirurgici,
con traumi fisici, invalidità e/o disabilità legate al conflitto armato;
70 Donne e uomini in età lavorativa disoccupati

Progetti socio-sanitari

Accesso alle cure mediche per i malati di cancro (chemioterapia e medicinali complementari).
Sostegno per esecuzione interventi chirurgici, esami specialistici e altri servizi medici.
Sostegno agli ammalati affetti da insufficienza renale.
Servizi di fisioterapia per invalidi a causa del conflitto e disabili dalla nascita.
Supporto psicologico agli ammalati assistiti tramite visite settimanali, in ospedale o a casa.

Progetti educativi

Classi di recupero e attività didattiche post-scolastiche.
Sostegno scolastico per lo studio e per una corretta alimentazione.
Fornitura materiale scolastico.
Attività ricreative.
Attività di educazione alla pace.
Scuola EHIS per bambini sordomuti.

Progetti di sostegno al reddito famigliare

Sussidi a integrazione del reddito famigliare, per sostenere un livello di vita dignitoso.
Contributo per le spese mediche.
Sostegno per le spese di affitto/ristrutturazione così da favorire la permanenza in luoghi salubri e sicuri.

Progetti di formazione e lavoro

Formazione di operatori tecnico-professionali per rispondere alle attuali esigenze del Paese:
Operatori socio – sanitari – Assistenza e cura della persona
Ricostruzione di case e infrastrutture.
Supporto all’avvio di piccole attività per generare reddito (capitali, equipaggiamenti).
Percorsi di empowerment femminile.

Controparte locale
Movimento dei Focolari Siria
Costo totale
€ 830.824,42
Contributi richesti all’AMU
 € 391.082,85