Mercoledì 26 Febbraio 2020
 
La differenza fra l’aiuto e la cooperazione? – Burundi

Giriamo tra le colline del Burundi, ci sediamo con gli anziani, le donne, i padri di famiglia e i bambini, ascoltiamo la loro vita, la loro conoscenza, l’esperienza e le difficoltà; cerchiamo di capire insieme quali sono i problemi più importanti che affrontano e quali capacità e opportunità hanno da mettere in gioco; cerchiamo chi e come abbia già provato ad affrontarli, quali risultati ha avuto; valutiamo insieme le possibilità di successo di questa o quell’altra soluzione tecnica; sentiamo voci diverse, cambiamo idea, rivalutiamo idee e intuizioni che mettano la gente in grado di farcela con le proprie forze e con il proprio sforzo.

E poi, dietro a una curva, in mezzo alla foresta, ci troviamo di fronte un camion di un’organizzazione internazionale che distribuisce gratuitamente cibo a migliaia di persone che sgomitano, consegnando loro, insieme al cibo, la dipendenza.

Diceva bene Maria Montessori: “Non voglio essere servito, perché non sono un impotente. Ma dobbiamo aiutarci gli uni gli altri, perché siamo esseri socievoli. Ecco ciò che bisogna conquistare prima di essere veramente liberi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*