Giovedì 31 Ottobre 2019
 
La Siria del futuro riparte dai ragazzi

Il progetto “Bayt Al Atfal” a Damasco (Siria) è un intervento di doposcuola che aiuta i ragazzi a conseguire i diplomi di scuola media e scuola superiori, fondamentali per un futuro lavorativo.

Simon è un ragazzo che vive in Siria, abitava in un villaggio a 1h e 30 minuti da Damasco e  viene una famiglia modesta, con il papà contadino e la mamma che produce e vende qualche formaggio, per aiutare il bilancio famigliare.
Come in tutta la Siria, a causa della guerra, anche nella scuola di Simon la qualità dell’insegnamento scolastico è molto basso: molti professori hanno lasciato il Paese e le scuole non bombardate sono sovraffollate.
Simon sta ultimando gli studi per conseguire la maturità scientifica, ma in queste condizioni è molto difficile, per questo decide di andare a Damasco e iscriversi a una scuola privata, come cercano di fare tutti per avere una preparazione adeguata. Damasco però è la città più costoso della Siria e le lezioni private sono molto dispendiose.
Fortunatamente a Damasco Simon può contare sull’ospitalità di una zia e per mantenersi decide di lavorare durante i 3 mesi estivi e, poi, con 3 amici ha comprato 3 alveari per fare del miele e venderlo.
Simon ha 17 anni, ma è molto determinato e vuole raggiungere il suo obiettivo. Proprio questa determinazione, la sua storia e l’impegno che dimostra ha convinto i responsabili del centro ad accoglierlo: contribuirà coprendo solo il 15% dei costi e gli insegnanti, per contribuire, hanno deciso di comprare il miele da lui e i formaggi da sua madre.

La storia di Simon ha coinvolti tutti, così come capita spesso per gli iscritti a “Bayt Al Atfal”. Da qui e da queste storie, si comincia a rigenerare la Siria del futuro.

Il progetto “Bayt Al Atfal”

Il centro ha iniziato le lezioni a metà settembre, su 47 iscrizioni, 13 iscritti sono per conseguire la maturità, 28 per la quarta media e 6 per la terza media.
Dal lunedì al giovedì i ragazzi seguono 3 lezioni da un’ora ciascuna in: matematica, fisica, chimica, arabo, inglese, francese,
Oltre al supporto scolastico, però, il centro si occupa dei ragazzi anche dal punto di vista umano, soprattutto per spronarli a impegnarsi e a dare il massimo.
Gli insegnanti specializzati e tutto il personale, coinvolgendo anche i genitori, cercano di creare un clima motivante e “di famiglia”, per incoraggiare al massimo questi ragazzi “figli della guerra”. Per questo, da quest’anno, ogni mese si è deciso anche di festeggiare, in un giorno a sorpresa, i compleanni di tutti gli alunni nati in quel periodo
Il centro “Bayt Al Atfal” richiede ad ogni allievo un contributo fino al massimo al 40% di quello che si pagherebbe in un centro privato, ma molto spesso, date le situazioni difficili degli allievi, ci sono richieste di contributi più bassi, fino all’esenzione in alcuni casi.

Sostieni il Programma “EMERGENZA SIRIA”

“Bayt Al Atfal” Doposcuola Damasco - Siria - novembre 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*