Venerdì 2 Agosto 2019
 
Tutti promossi! – Storie da Damasco

Doposcuola AMU a DamascoGli adolescenti che frequentano il centro Bayt al Atfal di Damasco hanno superato tutti gli esami di quarta media. Un traguardo importante e difficile in Siria (la percentuale nazionale dei promossi è del 50%) e ora potranno scegliere a quale liceo o scuola professionale iscriversi per costruire con le proprie forze e capacità un futuro diverso.

Tutti i ragazzi e le ragazze che frequentano il centro, vengono da situazioni difficili, Dueilaa è uno dei quartieri più poveri di Damasco, con un livello scolastico debole.
Negli ultimi anni in Siria, tra le conseguenze della Guerra, vi sono il sovraffollamento di alcune città e quartieri, che fa sì che si formino classi anche con 60-70 alunni, e le condizioni di vita difficili date mancanza di mezzi economici.
Molti adolescenti vivono in case con famiglie numerose, spesso in una o poche stanze, comporta anche la mancanza della serenità necessaria per lo studio. Inoltre, molte famiglie, non possono assicurare un’assistenza ai figli che studiano: molti hanno un solo genitore (quando i ragazzi non sono orfani), o hanno genitori analfabeti. Quasi nessuno può permettersi le lezioni private che in queste condizioni sono diventate uno strumento necessario per affrontare gli studi, specie a ridosso degli esami.
Proprio per questo nasce il progetto di assistenza allo studio per i ragazzi che devono sostenere l’esame di quarta media. A Bayt Atfal gli studenti possono essere affiancati nel loro percorso di apprendimento in classi con meno allievi e più attenzione per ciascuno. Questo stimola i ragazzi anche a non arrendersi e non abbandonare la scuola, nonostante le molte difficoltà che devono affrontare.

E questi risultati, tutti promossi, ci fanno capire quanto questa sia la direzione giusta e come grazie all’impegno quotidiano e al sostegno di tutti voi, possiamo davvero costruire un futuro diverso per i ragazzi della Siria e aiutarli nella ricostruzione del loro Paese.
Per conoscere di più sul progetto e sostenerlo clicca qui
Da oggi puoi sostenere AMU anche con una donazione tramite FB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*