Mercoledì 13 Marzo 2019
 
Un’opportunità d’oro! – Giordania

Zina è una donna irachena rifugiata in Giordania con la sua famiglia. E grazie a un’opportunità d’oro, può tornare a costruire il suo presente e pensare in maniera positiva al futuro.

Zina ha tre figlie: una di 17 anni, una quindicenne e l’ultima di 8 anni. Quando erano in Iraq le ragazze potevano studiare, seguendo un corso di studi internazionale, suo marito era segretario del vescovo e seguiva la costruzione di alcune strutture religiose e la loro vita scorreva serena. Proprio per il lavoro di suo marito, lui, Zina e la loro famiglia hanno subito gravi minacce da parte di una tribù islamica, fino a quando nel 2016 sono stati costretti a lasciare la loro città migrando verso la Giordania e lasciando tutto quello che avevano.

Al loro arrivo avevano solo i pochi soldi ricavati dalla vendita dell’auto, appena sufficienti per affittare una casa per il primo periodo.

Ben presto anche questi risparmi sono terminati e hanno iniziato a incontrare le prime difficoltà, soprattutto perché gli iracheni rifugiati in Giordania non possono ottenere un permesso per lavorare in maniera regolare nel Paese.

Grazie a un amico hanno saputo dei servizi di assistenza di Caritas Jordan, così hanno potuto sostenere le spese di sussistenza immediata e le loro figlie sono tornate a studiare. Oggi, dopo i primi momenti di spaesamento, frequentano la scuola Saadeh, hanno trovato nuovi amici e sono migliorate anche nel profitto scolastico.

Nel marzo 2017, Zina ha sentito parlare dei corsi di formazione offerti dalla Caritas Jordan attraverso il progetto AMU e si è iscritta al modulo di cucina, potendo contare anche sui trasporti per raggiungere il centro della scuola e il pranzo durante i corsi.

Avere avuto questa opportunità riempiva Zina di passione, piacere e felicità.

Il corso è durato 30 giorni e, oltre a nuove tecniche di cucina e pasticceria, comprendeva anche elementi basi per la creazione di piccole imprese.

Dopo aver completato il periodo di formazione, Zina è stata scelta per frequentare il modulo “Cash for Work”: 50 giorni, durante i quali è stata pagata 10 dinari giordani al giorno per svolgere il lavoro per cui si era preparata. Inoltre, Zina è stata selezionata per essere il supervisore del laboratorio di cucina e dopo aver completato i 50 giorni di “Cash for work” è stata scelta per continuare a lavorare con gli iracheni nel “Giardino di misericordia”.

Zina e la sua famiglia sanno che questa non sarà la loro sistemazione per sempre, spesso si dividono tra il desiderio di tornare in Iraq e quello di trovare una sistemazione all’estero dove possano lavorare regolarmente e non solo sotto l’egida della Chiesa.

Per adesso è molto grata per l’opportunità che le è stata data: formarsi e imparare un mestiere, poter lavorare per contribuire alle esigenze famigliari e avere delle responsabilità e dei ruoli che la valorizzano come donna e come professionista.

Questi, infatti, sono anche le principali motivazioni e i principali obiettivi del progetto che AMU e Cartias Jordan hanno portato avanti per ridare dignità e serenità ai profughi iracheni in Giordania.

 

Qui il progetto di AMU e Caritas Giordania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*