Martedì 10 Luglio 2018
 
Grandi e piccoli momenti di serenità per guardare al futuro – SIRIA

Ogni momento di serenità in Siria rappresenta un piccolo passo che allontana dalle bombe e porta verso un futuro di speranza.

La fine della scuola a Dueilaa, la zona dove si trova la Casa dei bambini sfollati BAYT AL ATFAL a Damasco”,  è arrivata dopo mesi difficili: già da febbraio a causa di alcuni bombardamenti che l’hanno colpita, molte famiglie, con molti bambini, sono state costrette a fuggire. Nel centro BAYT AL ATFAL sono rimasti solo circa 70 bambini rispetto a quelli presenti all’inizio dell’anno.

Nonostante i disagi però, i ragazzi hanno continuato ad impegnarsi a scuola e così, il giorno delle pagelle finali erano tutti contenti perché molti erano riusciti a migliorare i loro voti anche grazie alla partecipazione pomeridiana al dopo-scuola.

Proprio per festeggiare la fine delle lezioni e i buoni risultati dei ragazzi, i responsabili e i volontari del centro hanno programmato una piccola gita, con tutti i bambini, al Damaschino Mall di Kafarsussa, che oltre a essere un centro commerciale, offre tantissime strutture e giochi per bambini.

Un pomeriggio di gioia per tutti, anche per gli insegnanti. Dopo anni di guerra, riuscire a vivere delle situazioni e dei momenti di serenità e felicità è un traguardo importante e un aspetto fondamentale del nostro impegno in Siria.

Ora i ragazzi sono impegnati nelle attività estive del centro: con alcune ore dedicate allo studio, utilizzando sempre tecniche innovative o di apprendimento-gioco, e altri momenti, invece, di puro svago per distrarsi ed essere spensierati. Tutti i partecipanti sono entusiasti e in estate si è raggiunta la quota di 115 bambini che ogni giorno, così ci raccontano i genitori, non vedono l’ora di partecipare alle attività o di venire al centro per ritrovare i propri amici.

I loro sorrisi, la loro voglia di fare e a volte anche i loro schiamazzi, ci dà la certezza che, piano piano, le ferite della guerra potranno essere superate.

Ancora oggi, che le bombe sono più lontane, l’impegno più grande è quello di offrire sempre più momenti di serenità, per ricostruire legami, per sentire di nuovo affetto e non paura, insomma per tornare a guardare al futuro con speranza.

 

Leggi l’Appello e scopri come sostenere i progetti del Programma “Emergenza Siria”

 

Un Commento

  1. Claudio Conforti
    Posted 19/7/2018 at 08:36 | Permalink

    Complimenti per l’iniziativa! Sempre in prima linea la formazione e l’istruzione dei ragazzi, e soprattutto delle ragazze!
    Claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*