Mercoledì 28 Marzo 2018
 
Pasqua 2018 – La Speranza di un mondo unito

Nel suo ricorrere ciclicamente, anche quest’anno l’arrivo della festa di Pasqua ci innalza dal peso dalle fatiche quotidiane per indicarci orizzonti alti, mete ardite e propositi apparentemente irraggiungibili. Ma non è un’illusione che ci inganna e ci lascia più tristi di prima per aver assaporato attimi di gioia e luce, poi trasformati in un nostalgico e tormentoso ricordo?

Così non è: è la virtù della Speranza quella che più caratterizza questo tempo di Pasqua e che più ci deve orientare nell’oggi del mondo, soprattutto ora che sembrano sgretolarsi le “certezze” del passato e sono rimessi in discussione equilibri e ruoli tra gli attori internazionali.

Sembra che il Bene Comune abbia perso diritto di cittadinanza ed in modo sfacciato prevalga l’egoismo di caste, gruppi di potere, corporazioni, interessi di parte, ed anche l’azione umanitaria viene bandita o addirittura condannata.

Nel Catechismo si legge che “la speranza cristiana non fa concorrenza alle speranze terrene autentiche, anzi risveglia e mette a loro disposizione preziose energie”.

Per questo ci facciamo gli auguri in occasione della Pasqua cristiana: perché un Dio che si fa uomo, assumendo su di sé tutte le sofferenze dell’umanità fino alla morte più ignobile possibile, poi vince la morte stessa. È questa la Speranza per tutti coloro che vivono e si impegnano per un mondo migliore.

Un mondo dove la migrazione non sia più una scelta dolorosa e forzata e dove l’accoglienza e l’integrazione si muovano all’unisono con la volontà di contribuire al bene della nuova società ove si è integrati.

Un mondo nel quale ogni popolo si arricchisca dallo scambio reciproco delle proprie risorse culturali, materiali e spirituali con gli altri popoli.

Dove gli organismi internazionali si aprano ad un nuovo e più reale principio di democrazia internazionale, che veda rappresentati i popoli e tenga conto dei loro effettivi interessi, piuttosto che quelli degli stati spesso legati tra loro da accordi opachi o ricatti reciproci.

Un mondo dove ogni essere umano non sia scartato o marginalizzato, ed invece si senta membro attivo e felice della grande famiglia umana.

Un sogno utopico? No, proprio questa è la Speranza: il Mondo Unito che si fa giorno per giorno. E questo grazie anche al piccolo, anonimo, sudato contributo di ciascuno di noi!!!

Auguri sinceri a ciascuno di voi, ed alle vostre famiglie.

Un Commento

  1. Maria Pia Di Giacomo
    Posted 31/3/2018 at 11:02 | Permalink

    Certo, più che mai crediamo al frutto della Resurrezione di GEsù che ha vinto il mondo, la morte
    con tutto ciò che che è negativo, deludente!

    Nessun dubbio quindi, sapendo che nulla ê piccolo di ciò che facciamo per amore. Con tutti coloro che seguendo Chiara, crediamo più che mai nel mondo unito per il quale un Dio ha pregato ed è morto per noi.
    Grazie degli auguri in Gesù Risorto,
    Maria Pia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*