Giovedì 4 Maggio 2017
 
L’avventura di fare impresa

Imprenditori si nasce o si diventa? Due storie dal Brasile

Il Programma di Rafforzamento di Imprese Inclusive e di Comunione (Profor) ha l’obiettivo di dare sostegno a iniziative imprenditoriali con la caratteristica dell’inclusione sociale e della comunione. Il Programma offre ai progetti selezionati formazione tecnica e accompagnamento, oltre ad un capitale iniziale. Fino ad oggi sono state selezionate 10 aziende e quella di Roberto Luna, chiamata “Campo Fertil” è una di queste.

Roberto vive a Garanhuns, nel nord-est del Brasile, con la moglie Danielle e i tre figli. È un imprenditore del settore agricolo, ma non del tutto comune. Appassionato di lavoro agricolo e pieno di entusiasmo, dopo gli studi tecnici in agronomia ha iniziato a lavorare nel settore. Con il tempo è riuscito a creare una piccola azienda con vari dipendenti. Un giorno, però, l’impresa ha perso il suo cliente principale e Roberto si è trovato improvvisamente di fronte a grossi debiti.
In quella situazione non poteva più pagare persone per lavorare, e ha proposto ai dipendenti di diventare soci per portare avanti il lavoro e dividere i profitti. Solo 2 persone su 10 hanno accettato, ma è stato sufficiente per ricominciare. «Con queste due persone, racconta Roberto, a poco a poco si è sviluppato un modello di partenariato e collaborazione». Insieme ai soci ha sviluppato una modalità di lavoro e di gestione innovativa, che ha portato a produrre diverse varietà di lattughe, broccoli, bietole, e altre verdure poco comuni nel mercato locale, di alta qualità e senza uso di sostanze chimiche.
«Un giorno ho presentato la mia proposta al Profor e, tra altri 24 progetti, il mio è stato classificato fra quelli idonei. Attraverso il Programma abbiamo ricevuto opportunità di formazione tecnica, formazione nella cultura dell’Economia di Comunione, un servizio personalizzato di accompagnamento e risorse finanziarie che ci hanno permesso di avere un camion, risolvendo così il grosso problema del costo di spedizione per la consegna dei prodotti.»
Grazie a questo nuovo impulso, l’azienda ha aumentato i ricavi e oggi vi lavorano 24 persone.

In questa avventura dell’imprenditorialità si è buttato anche José Carlos da Silva, altro partecipante del Programma Profor. Josè vive nella città di Igarassu con la moglie Helena e i suoi due figli. In passato aveva fatto diversi lavori in aziende e istituzioni, ma nel 2010 si è trovato senza lavoro e ha deciso di trasferirsi nella grande citta di Sao Paulo, a 3000 chilometri di distanza, per avere migliori opportunità. L’occasione, invece, è arrivata da un’altra parte. Preoccupato perché José rimaneva lontano dalla famiglia, un suo amico (José Antonio, conosciuto come Zezinho) gli ha proposto di non partire e di imparare il suo mestiere: la costruzione di prefabbricati. José racconta che la sua nuova avventura è nata da questo gesto di comunione di Zezinho che, oltre ad insegnargli il mestiere, ha investito una parte del proprio patrimonio per iniziare una nuova azienda con lui: «Mi ha invitato ad essere il suo partner e per lui era una cosa naturale fare comunione del suo patrimonio. Per me è stato un grande gesto di fiducia, e così ho cercato di corrispondere».
Poco tempo dopo, una improvvisa malattia ha impedito a Zezinho di continuare il progetto, e José Carlos ha dovuto prendere in mano da solo la piccola iniziativa aziendale appena nata.
Venuto a conoscenza del Programma Profor, ha inviato la sua proposta, che è stata approvata. Grazie a questo, l’azienda ha continuato a consolidarsi. Nel piano d’impresa è previsto che l’azienda restituisca il capitale iniziale ricevuto, versandolo a un “Fondo di Reciprocità” che darà sostegno ad altre iniziative.

«Credo che l’Economia di Comunione ci abbia fatto imparare cose importanti: ci ha dato opportunità concrete di fare impresa, ma allo stesso tempo grande libertà. È per questo che mi sento in dovere di “restituire”. Ho scoperto un orizzonte più ampio e vorrei dare il mio contributo perché altri possano trovare questa stessa opportunità».

Lia Guillen
(AMU Notizie n. 1/2017)

Il Programma di Rafforzamento di Imprese Inclusive e di Comunione (Profor) è promosso dall’Associazione Nazionale per una Economia di Comunione del Brasile (Anpecom) in collaborazione con AMU ed EdC Internazionale. Per saperne di più vai alla scheda progetto >>>

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*