Mercoledì 8 Febbraio 2017
 
Attività produttive famigliari in Burundi


È in corso un nuovo progetto di microcredito promosso dall’associazione burundese CASOBU insieme all’AMU, destinato a 1250 famiglie delle province di Ruyigi, Bujumbura e Rumonge.

Il progetto di rafforzamento delle “Attività produttive famigliari” attraverso il microcredito si inserisce nella scia dei progetti precedenti realizzati in Burundi, in particolare dell’ultimo, attuato nella provincia di Ruyigi (Microcredito e rafforzamento del sistema cooperativo rurale) con il cofinanziamento della Regione Friuli Venezia Giulia.

Sono ormai diversi anni che l’associazione CASOBU promuove la creazione di piccoli gruppi di risparmio e credito per famiglie vulnerabili, che vengono formate secondo il modello di microcredito CECI (Communautés d’Epargne et Crédit Internes). Un modello la cui applicazione si è dimostrata particolarmente efficace nella lotta alla povertà, in quanto restituisce alle persone, per quanto povere possano essere – la dignità di dare: infatti, il credito per l’avvio di piccole attività famigliari generatrici di reddito non viene concesso da un ente finanziario esterno, ma proviene direttamente dalla capacità del gruppo di autogestire la propria economia e di risparmiare. Un sistema che, oltretutto, genera legami profondi fra i membri del gruppo, grazie alla condivisione di obiettivi e bisogni e alla formazione comune.

Da circa due anni, CASOBU ha deciso di fare un ulteriore passo in avanti, avviando la trasformazione in cooperativa dei gruppi più impegnati, allo scopo di rendere più stabili e durature le piccole attività produttive intraprese.
Dopo un primo anno di attività, AMU e CASOBU hanno nuovamente deciso di impegnarsi insieme nel progetto, sostenendo da un lato il rafforzamento delle capacità amministrative e di gestione delle cooperative già avviate a Ruyigi lo scorso anno, e accompagnando dall’altro la formazione di nuove cooperative a Bujumbura. L’esperienza dei gruppi di risparmio e credito sarà inoltre proposta a famiglie vulnerabili di Bugarama (provincia di Rumonge) allo scopo di migliorare la loro situazione economica.

Tutti i dettagli nella scheda progetto >>>

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*