Giovedì 10 Marzo 2016
 
EDC PER RISOLVERE I PROBLEMI ALLA RADICE

Un conto è aiutare persone indigenti per garantire loro vitto, cure mediche, abitazione e istruzione; altro conto è affrontare le povertà più a monte, puntando a creare occupazione, lavoro dignitoso e stabile.

L’assistenzialismo non è mai stato nelle corde dell’AMU, ci sta stretto, forzato, stonato anche se, per brevi periodi, davanti a situazioni drammatiche, a volte può sembrare inevitabile. L’importante è non fermarsi lì, ma lavorare sempre con la prospettiva di uno sviluppo duraturo e sostenibile.

La collaborazione fra Economia di Comunione e AMU è un esempio di come sia possibile un cambiamento in questa direzione. A fronte degli utili delle imprese destinati ai poveri, ogni anno aumentano quelli utilizzati per creare o rafforzare piccole attività produttive.
Attualmente abbiamo 11 progetti in corso, che stanno creando 350 posti di lavoro, con un investimento complessivo di circa 500 mila euro.

Tutti i particolari nell’articolo di Francesco Tortorella pubblicato sul rapporto EdC 2014-2015. Leggi il testo integrale sul sito EdC >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*