Mercoledì 22 Aprile 2015
 
SIRIA: NON CI SENTIAMO DEGLI EROI

In un’intervista rilasciata al sito del Movimento dei Focolari, Ghada – referente AMU per l’emergenza in Siria – racconta la sua vita in un paese in guerra.

Nel settembre 2013, racconta Ghada, ho deciso di tornare in Siria. Non mi spaventava l’idea che avrei potuto anche morire. Mi attirava la possibilità di andare a vivere accanto a persone che anni prima avevo conosciuto e far sentire loro che non sono abbandonate. Mi ha spinto il desiderio di condividere la loro vita, le loro paure, la precarietà del loro quotidiano. Qui infatti le bombe fioccano quando meno te l’aspetti.

Non ci sono sirene che annunciano i raid e neppure ci si può basare su una strategia che faccia supporre quando e dove i razzi colpiranno. D’altra parte è ormai il 5° anno di guerra e non si può restare barricati per sempre. Ci si può fermare un giorno, un mese ma poi, anche se tuonano i mortai, la vita deve continuare: i bambini vanno a scuola e i genitori vanno a lavorare per mantenere la famiglia. Tutto va avanti, nella precarietà e nel rischio più assoluti. Avevo vissuto lo stesso dramma quando ero in Libano, ma qui è tutto più aggravato, tutto più difficile. Qui si respira terrore e violenza in ogni angolo.

A Damasco, ma anche nei villaggi, ogni giorno si sfida la morte. I trasporti sono spesso in tilt per mancanza di gasolio e continui posti di blocco. Si sa quando si esce ma non si sa quando si arriverà. Nelle case l’elettricità manca per ore, come pure l’acqua. Si rischia l’esasperazione. Tanto che l’esodo – per chi può lasciare il Paese – è in continua ascesa. Si calcola che l’emigrazione, anch’essa non priva di rischi gravissimi, abbia superato i 6 milioni di persone.

Non ci sentiamo degli eroi. Prima di partire avevo potuto incontrare papa Francesco: nel suo incoraggiamento ho sentito tutto l’amore della Chiesa che si fa vicina a questo popolo così provato. Ci sentiamo sostenuti anche dall’amore di tutto il Movimento dei Focolari sparso nel mondo. Ne abbiamo bisogno per continuare a sperare, impotenti di fronte alla supremazia degli interessi economici e al proliferare del mercato internazionale di armi. Per continuare insieme a credere, sostenendo ogni sforzo per l’avvento della pace.

Leggi l’intervista integrale a questo link >>> 

Leggi la scheda dell’emergenza in Siria e invia il tuo contributo >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*