Mercoledì 19 Marzo 2014
 
ACQUA SULLA MONTAGNA DI FUOCO

Nella settimana della Giornata Mondiale dell’Acqua presentiamo un nuovo progetto per l’accesso all’acqua potabile destinato a 40 famiglie dell’isola di Giava, in Indonesia.

Questo nuovo progetto è destinato alla comunità di Pangukrejo, villaggio di 219 famiglie di cui 40 non hanno acqua potabile nelle loro abitazioni. Siamo sulle pendici del Monte Merapi, che in lingua locale significa “Montagna di fuoco”, un vulcano al centro dell’Isola di Giava.

Le 40 famiglie destinatarie del progetto ogni giorno devono recarsi presso le sorgenti vicine per fare provvista. Per limitare la fatica del ripido percorso (circa due ore di cammino), le donne portano la biancheria da lavare al mattino e la lavano sul posto, lasciandola asciugare durante la giornata, e la riprendono al pomeriggio quando è più leggera. La scarsa disponibilità di acqua nelle abitazioni rende più frequenti le malattie e procura inconvenienti dovuti alla scarsa igiene.

Il nostro progetto consiste nella costruzione di un piccolo acquedotto lungo 6.500 metri, nel rispetto delle tecniche locali e con materiali reperibili sul posto.

Tutti i particolari nella scheda progetto >>>

Dopo il maremoto che ha colpito l’Indonesia il 26 dicembre 2004, e il terremoto sull’isola di Giava nel 2006, l’AMU ha tenuto vivo il contatto con varie comunità sparse in questo grande Paese disteso su un immenso arcipelago, tramite la locale comunità del Movimento dei Focolari. Allo stesso tempo ha continuato nel suo impegno per la promozione dell’acqua quale diritto umano essenziale, sia con campagne di informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica, che con piccoli e grandi progetti finalizzati a rendere effettivo questo diritto.

Si può contribuire al progetto anche con piccole donazioni, scrivendo nella causale di versamento: Acquedotto in Indonesia.
Conto corrente intestato a Associazione Azione per un Mondo Unito Onlus,
IBAN IT16G0501803200000000120434, BIC CCRTIT2184D.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*