Mercoledì 22 Gennaio 2014
 
SIRIA: APERTA LA CONFERENZA DI PACE

Aperta oggi a Montreux, in Svizzera, la Conferenza di pace “Ginevra2”, che vede sedute allo stesso tavolo, per la prima volta, le forze governative siriane e le forze di opposizione. Dal 24 gennaio i lavori proseguiranno nella sede ONU di Ginevra.

La Conferenza, definita dall’ONU “una missione di speranza”, cercherà di trovare una soluzione diplomatica alla guerra civile iniziata nel 2011. Secondo il segretario generale Ban Ki-moon, ci si aspetta che i rappresentanti della Siria arrivino a Ginevra con l’obiettivo di mettere seriamente fine ad un conflitto che ha già provocato 100.000 morti, nove milioni di sfollati e un numero non calcolato di dispersi.

Nei giorni scorsi, esperti di crisi internazionali si sono dichiarati pessimisti sulla possibilità che “Ginevra2” produca risultati concreti. Nessuno si illude che il processo di pace possa essere semplice e veloce; tuttavia, la mancanza di qualsiasi alternativa alla risoluzione del conflitto fa sperare che almeno tale processo si apra e che alla popolazione siriana venga data una tregua.

E’ quanto auspica anche il Ministro degli Esteri Emma Bonino, che ha proposto di introdurre delle “pause umanitarie” al conflitto, per poter soccorrere la popolazione siriana. «La catastrofe umanitaria a cui stiamo assistendo – ha detto il Ministro – è l’elemento più inaccettabile della guerra civile in atto.»

Nel discorso di apertura di questa mattina, rivolgendosi alle delegazioni siriane, Ban Ki-moon  ha affermato: «Questa Conferenza rappresenta la vostra opportunità di mostrare unità per trovare una soluzione politica per la Siria, dove sono state perse moltissime vite.»

Seguiremo i lavori con attenzione e con la speranza che le parti in causa sappiano far prevalere il bene comune sui propri particolari interessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*