Giovedì 30 Settembre 2010
 
Progetto ragazzi a rischio “Ebn Masr”

Il numero dei ragazzi ogni domenica aumenta: con i nuovi si arriva ad una presenza costante di 35-40. Una novità è che i ragazzi musulmani invitano anche i cristiani, che vengono da un altro quartiere chiamato “Il Warrak” dove tanti di loro lavorano. Nei primi mesi dell’anno le attività avevano l’obiettivo di aiutarli a vivere bene la loro infanzia e insegnare loro il rispetto dell’altro. Dopo alcuni mesi abbiamo puntato anche a sviluppare le loro capacità cognitive.

Qui potete leggere l’articolo intero pubblicato sul numero 2/3 2010 di AMU Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è mai condiviso. I campi richiesti sono marcati *

*
*